La vera musica medievale

Tutti hanno presente le caratteristiche tipiche della musica medievale: è facile, infatti, trovare su Youtube numerose compilation di vivacissime ballate composte con molti strumenti, come l’immancabile ghironda e il flautino, suonato con una professionalità che si addice più a un musicista del XIX secolo che a un trovatore.

Ma com’era davvero la musica popolare nel Medioevo?

Innanzitutto, è necessario sfatare il mito di una musica medievale estremamente elaborata e piena di abbellimenti di ogni genere: si trattava infatti di una musica di strada che molto spesso serviva, come nell’antichità, solo ad accompagnare il canto, o meglio ancora la narrazione di storie popolari, come quelle del ciclo bretone o quelle dei paladini di Carlo Magno.

I musicisti del Medioevo, dunque, molto raramente erano veri e propri professionisti, anche perché non esisteva un preciso sistema di insegnamento dei singoli strumenti né conservatorî; piuttosto, si era autodidatti.

Vi proponiamo dunque un brano, purtroppo dall’audio non affatto buono, che rievoca con estremo realismo il carattere d’improvvisazione della vera musica medievale.

Buon ascolto!

Daniele B.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...