Archeologi scoprono due città Maya perdute.

Dalle giungle del Messico emergono importanti ritrovamenti; nella regione di Campeche, nel cuore della penisola dello Yucatan, gli insediamenti erano nascosti dalla fitta vegetazione, così da essere molto difficilmente raggiungibili. A dare una mano agli archeologi l’uso delle tecniche satellitari.